Chrome potenzia la barra degli indirizzi con tecnologia avanzata: introduzione del machine learning

Google ha recentemente annunciato l’introduzione di avanzati #algoritmi di #intelligenzaartificiale nella sua ultima versione di #Chromedesktop, la M124, con l’obiettivo di potenziare la sua iconica barra degli indirizzi, nota anche come #omnibox. Questo aggiornamento rappresenta un passo significativo nel costante sforzo dell’azienda per migliorare l’esperienza di navigazione web dei suoi utenti.

La barra degli indirizzi di Chrome è da tempo un compagno affidabile per chiunque la utilizzi regolarmente, offrendo un vasto ventaglio di funzionalità che semplificano e velocizzano la ricerca sul web. Oltre a consentire l’accesso rapido agli indirizzi web, essa permette di richiamare pagine da altre schede o dai segnalibri, nonché di recuperarle dalla cronologia di navigazione.

#MountainView ha ora deciso di potenziare ulteriormente questa funzionalità chiave, sfruttando il potere del #machinelearning per rendere i suggerimenti di navigazione più accurati e rilevanti. Secondo quanto dichiarato da Google, l’obiettivo è quello di migliorare costantemente la pertinenza dei suggerimenti di ricerca, aprendo la strada a futuri sviluppi che renderanno l’esperienza di navigazione ancora più soddisfacente.

Tuttavia, questa innovazione non sarà immediatamente disponibile per tutti gli utenti. Prima di essere implementata su Chrome per Windows, macOS e ChromeOS, la nuova funzionalità dovrà passare attraverso le fasi di test su Chrome Canary e Chrome Beta. È Justin Donnelly, software engineer di Chrome, a illustrare i dettagli di questo processo attraverso il blog Chromium.

Donnelly ha sottolineato che, durante le prime fasi dello sviluppo della omnibox, è emerso un desiderio diffuso di migliorare la flessibilità del sistema di suggerimenti. Gli algoritmi sviluppati finora hanno dato risultati soddisfacenti, ma mostravano limiti nella capacità di adattarsi dinamicamente alle preferenze e alle abitudini degli utenti.

Con l’introduzione del machine learning, l’algoritmo alla base della omnibox sarà in grado di osservare e apprendere dai comportamenti degli utenti, personalizzando così i suggerimenti in base alle loro esigenze e preferenze. In altre parole, il sistema sarà addestrato attraverso l’osservazione dei nostri comportamenti di navigazione: attribuendo punteggi di pertinenza più bassi ai contenuti che vengono chiusi rapidamente e punteggi più alti a quelli che attirano l’attenzione per un periodo più prolungato.

Google prevede che questa nuova tecnologia aprirà la strada a una serie di miglioramenti nell’esperienza utente, consentendo anche l’introduzione di nuovi criteri di valutazione, come il momento della giornata. Inoltre, Donnelly ha osservato che i modelli di interazione degli utenti con la omnibox di Chrome tendono a evolversi nel tempo, e di conseguenza il sistema di punteggio di pertinenza dovrebbe essere in grado di adeguarsi a tali cambiamenti.

Grazie al nuovo sistema di punteggio, sarà possibile raccogliere segnali più recenti e aggiornati, consentendo di valutare e implementare periodicamente nuovi modelli nel tempo, garantendo così un’esperienza di navigazione sempre all’avanguardia e in costante evoluzione.

Continua a leggere:

Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli. Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste

Leggi Tutto »

Le aziende non potranno più chattare coi clienti tramite App e servizi Google come Maps e Search

A breve non sarà più possibile contattare le aziende tramite #chat usando #App e servizi #Google come #Maps e il motore di ricerca. Il colosso tecnologico di Mountain View ha annunciato di recente la #chiusura del #software #BusinessMessages. Questo servizio verrà definitivamente disattivato nel mese di luglio, con una portata che coinvolgerà utenti e aziende a livello globale. Le notifiche via email sono già state inviate alle imprese interessate, incluse quelle in Italia. Google Business Messages era un servizio a partecipazione volontaria, conosciuto anche come “opt-in”. Questo significava che le aziende potevano scegliere di attivare questa funzionalità, che aggiungeva un

Leggi Tutto »

Approvata l’AI Act, la prima normativa al mondo che regola l’intelligenza artificiale

L’AI Act rappresenta la prima legge mondiale concepita per #regolamentare l’intelligenza artificiale. Inizialmente si prevedeva che sarebbe entrato in vigore entro un anno o un anno e mezzo dalla sua approvazione, ma ora sappiamo che sarà operativo ufficialmente tra due anni. Questa #normativa si distingue per la classificazione delle intelligenze artificiali in tre categorie di rischio ben definite: La prima categoria comprende le applicazioni che presentano un rischio inaccettabile, come quelle che utilizzano il punteggio sociale, la manipolazione psicologica o la raccolta di dati biometrici, che sono vietate senza eccezioni. La seconda categoria riguarda le applicazioni ad alto rischio, che

Leggi Tutto »

Laboratorio segreto a Zurigo, Apple “ruba” esperti a Google

Nel cuore di Zurigo, si sta svolgendo una trasformazione senza precedenti. #Apple, nota per la sua prudenza nel campo delle nuove tecnologie, sembra finalmente aver abbracciato pienamente il potenziale dell’Intelligenza Artificiale, colmando rapidamente il divario con i concorrenti del settore. Le ultime mosse dell’azienda suggeriscono l’imminente introduzione di funzionalità AI di ultima generazione sui prossimi sistemi operativi e dispositivi. Secondo quanto riportato dal Financial Times, Apple ha reclutato numerosi esperti in #AI, provenienti in gran parte da Google, per creare un vero e proprio “laboratorio segreto” nel cuore di Zurigo. Questa sede ospita un team dedicato allo sviluppo di nuovi

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?