“Consent Mode” per semplificare la gestione del consenso degli utenti: come funziona e a cosa serve

La #ConsentMode di #Google emerge come uno strumento cruciale per i gestori di siti web desiderosi di adeguarsi alle preferenze degli utenti riguardo ai tracciamenti e alla privacy, soprattutto in conformità alle normative come il #GDPR europeo.

In collaborazione con una piattaforma di gestione delle approvazioni (GMA, l’interfaccia di selezione, per chiarire), la Consent Mode semplifica il controllo delle #preferenze degli utenti riguardo ai tracciamenti e ai cookie, assicurando che i dati degli utenti siano utilizzati esclusivamente in base alle loro decisioni.

L’utente configura le proprie preferenze sui #cookie attraverso la GMA integrata nel sito web. La GMA trasmette le preferenze dell’utente alla Consent Mode di Google. Quest’ultima regola il comportamento delle etichette e degli script di Google sul sito web, rispettando le scelte dell’utente. La Consent Mode agevola il coordinamento delle preferenze e garantisce l’utilizzo dei dati degli utenti conformemente alle loro inclinazioni.

Nel rispetto della #privacy degli utenti: Assicura che i dati siano raccolti e utilizzati solo in linea con le preferenze degli utenti. Ottimizzazione della raccolta dati: Favorisce l’ottenimento di dati più precisi sulle conversioni, anche se gli utenti non approvano tutti i cookie. Facilità di configurazione: Semplifica la gestione delle etichette e degli script di Google in base all’approvazione dell’utente.

È fondamentale tenere in considerazione che la Consent Mode rappresenta uno strumento complementare e non sostituisce l’obbligo di avere una strategia completa per la tutela dei dati. Integrandola nella tua strategia di marketing online, puoi contribuire in modo sostanziale al potenziamento del rilevamento delle conversioni con Google Ads e Google Analytics 4, migliorare l’esperienza degli utenti sul tuo sito web e assicurare il rispetto delle normative sulla riservatezza. Nel panorama del search marketing, la gestione delle approvazioni degli utenti si configura come una tematica di primaria importanza, specialmente alla luce delle normative sulla riservatezza sempre più stringenti. Google, consapevole di queste esigenze, ha introdotto una versione evoluta della Consent Mode tramite Google Tag Manager a partire da settembre 2022. Questo strumento costituisce un passo significativo verso un equilibrio tra le esigenze di rilevamento delle conversioni e il rispetto della riservatezza degli utenti.

La Consent Mode è un’opzione concepita da Google per permettere ai gestori di siti web di adattarsi alle preferenze di consenso degli utenti, con un impatto diretto sul rilevamento delle conversioni.

Questo strumento consente di registrare le conversioni mantenendo un alto rispetto della scelta degli utenti in termini di tracciamento dei dati, una mossa essenziale nell’era della riservatezza digitale. Gestione Avanzata del Consenso: La Consent Mode permette di personalizzare il rilevamento delle conversioni in base alle preferenze espresse dall’utente, garantendo che le attività di marketing siano conformi alle normative sulla riservatezza. Integrazione con Google Analytics 4 e Google Ads: Questa opzione è progettata per operare in modo ottimale con gli strumenti di Google, come GA4 e Google Ads, agevolando una gestione del consenso incentrata sui servizi Google. Compatibilità con Strumenti di Terze Parti: Benché non costituisca un dispositivo di gestione diretta del consenso e non fornisca direttamente un banner di consenso, la Consent Mode può essere integrata in modo efficace con soluzioni di terze parti come iubenda o Cookiebot, arricchendo così le informazioni disponibili per la gestione del consenso. Analisi delle Conversioni Post-Consentimento: Un beneficio considerevole offerto dalla Consent Mode è la capacità di analizzare il comportamento degli utenti che optano per non essere tracciati, fornendo così preziosi insights sulle conversioni che si verificano al di fuori dei tradizionali canali di rilevamento. L’introduzione della Consent Mode tramite Google Tag Manager segna un passo significativo verso una gestione più etica e rispettosa della riservatezza del consenso utente nel marketing digitale. Grazie a questa opzione, i marketer possono ora rilevare le conversioni in modo più rispettoso, rispondendo non solo alle esigenze aziendali ma anche a quelle degli utenti sempre più attenti alla propria riservatezza.

L’adozione della Consent Mode rappresenta una strategia imprescindibile per i professionisti del search marketing che desiderano rimanere all’avanguardia nel rispetto delle normative sulla riservatezza, garantendo al contempo la raccolta di dati essenziali per le loro campagne pubblicitarie.

Continua a leggere:

Corsa ai servizi mobili, la rivoluzione promessa dalle reti 6G

Ormai è chiaro che la tanto attesa rivoluzione annunciata dalle reti #5G stia ancora aspettando di manifestare appieno i suoi frutti. Sebbene lo sviluppo delle infrastrutture stia procedendo, gli operatori si concentrano ora sull’ottimizzazione del processo di implementazione su vasta scala. Tuttavia, in un ambito parallelo, l’industria delle telecomunicazioni sta da tempo plasmando il futuro, dedicandosi alla definizione della tecnologia destinata a modellare i sistemi di trasmissione dati, le applicazioni in mobilità e i servizi di connettività della prossima era digitale: il #6G. Le specifiche delle reti di sesta generazione sono attualmente in fase di sviluppo da parte del #3GPP,

Leggi Tutto »

Intelligenza Artificiale al Servizio dell’Editoria: la partnership con Vivere

L’integrazione dell’#intelligenzaartificiale nel settore dell’#editoria sta rivoluzionando il modo in cui le informazioni vengono concepite e distribuite, rappresentando un passo significativo nel costante adattamento delle industrie alla tecnologia moderna. Un esempio tangibile di questa trasformazione è la partnership rafforzata tra #Sigmar e Michele Pinto, editore del rinomato #networkVivere. Il network, che registra oltre 47 milioni di visite annuali, comprende siti di rilievo come VivereSenigallia e VivereAncona, oltre a più di 200 quotidiani sparsi in tutta Italia. Sigmar, da tempo partner tecnologico del gruppo Vivere, ha recentemente rafforzato l’impegnato nell’ottimizzazione delle piattaforme e nella gestione delle migliorie tecniche per sostenere il

Leggi Tutto »

OpenAI, Nvidia e Amazon investono in Robot umanoidi

Dopo il trionfo di Dall-E e #ChatGPT, #OpenAI mira al prossimo traguardo: sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale per far operare #robotumanoidi parlanti e introdurli rapidamente sul mercato. Per realizzare questo ambizioso obiettivo, la compagnia, guidata da Sam Altman, ha stretto una collaborazione con Figure AI, una startup impegnata nella creazione dei primi robot umanoidi accessibili al pubblico. Secondo quanto riferisce Business Insider, l’accordo tra OpenAI e #FigureAI mira ad “accelerare le tempistiche commerciali di Figure”, potenziando la capacità dei suoi robot di interagire con gli esseri umani, elaborare informazioni e rispondere ai comandi. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo delle

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?