L’importanza dei canali Whatsapp per le PMI

#Whatsapp #Metanews #PMI

Le PMI devono sfruttare le potenzialità delle piattaforme di messaggistica istantanea per raggiungere e coinvolgere i propri utenti in maniera efficace. Finalmente sono disponibili anche in Italia i Canali whatsapp che, come per Instagram, rappresentano una nuova e potente modalità di comunicazione per i brand. 

Da sapere:

  • gli admin possono modificare i propri aggiornamenti per massimo 30 giorni. Dopo di che saranno automaticamente eliminati dai server.
  • puoi scegliere se farli seguire da chiunque o approvare chi ti segue
  • sono separati dalle chat personali

Cos’è un canale Whatsapp?

Uno strumento broadcast:

  • attraverso il canale gli admin possono inviare testi, foto, video, sticker e sondaggi
  • trovi i canali in una nuova scheda denominata AGGIORNAMENTI SU WHATSAPP che separa le chat con amici, familiari e community
  • puoi anche filtrare i gruppi più popolari in base al numero di follower
  • gli utenti possono reagire ai contenuti con le emoji e vedere il conteggio totale delle reazioni sotto i messaggi
  • gli admin possono decidere chi può seguire il proprio canale e se vogliono che sia nella loro directory oppure no ( ottimo per le associazioni!)
  • puoi inoltrare un aggiornamento alle chat o ai gruppi e questo includerà un collegamento al canale che lo ha pubblicato

Privato: gli utenti seguono i canali senza condividere il loro numero di telefono. Gli altri utenti non conoscono i canali da noi seguiti.

Semplice: se i canali non interessano, basta non usarli e l’esperienza d’uso di WhatsApp resta la stessa di prima. WhatsApp non suggerirà mai canali sulla base dei contenuti dei messaggi (crittografati end-to-end).

Discreto: le notifiche sono silenziate di default, gli aggiornamenti vengono mostrati in ordine cronologico.

Sicuro: strumenti per amministratori e utenti per gestire i canali nel modo più sicuro possibile.

Come creare i canali WhatsApp

WhatsApp consiglia di attivare la verifica in due passaggi per l’accesso al proprio account (e a quello di eventuali altri amministratori, in futuro).

Per creare un canale WhatsApp, da telefono Android o iPhone, clicca la nuova scheda Aggiornamenti in basso, poi il pulsante + e seleziona la voce Nuovo canale, poi tocca Inizia. Da WhatsApp Web, clicca in alto sull’icona Canali -tra le icone Stato e Nuova Chat– poi sul pulsante verde + e sulla voce Crea canale.

Renditi riconoscibile: nomina il canale (puoi comunque modificarlo in seguito), e personalizzalo aggiungendo una bio, un’immagine, i contatti e la descrizione dell’attività. Per completare la configurazione, clicca nuovamente sulla voce Crea canale.

Puoi iniziare da subito a pubblicare i tuoi Aggiornamenti, la procedura è molto simile a quella di una chat di WhatsApp. Gli aggiornamenti non sono  conversazioni ma broadcast unidirezionali (non crittografati end-to-end), e gli iscritti non vedranno il tuo nome o numero di telefono. Per creare un aggiornamento, tocca la scheda Aggiornamenti, apri il tuo canale, scrivi un aggiornamento, aggiungi una formattazione, emoji, stickers,  link, foto o video (anche con didascalie. Tocca il pulsante invio e gli iscritti al canale potranno leggerlo (e salvare sui loro dispositivi i contenuti multimediali condivisi).

Tutto ciò che hai pubblicato sul canale sarà visibile agli iscritti (che potranno visualizzare tutti gli aggiornamenti condivisi dall’inizio), a persone non iscritte al canale (fino a 30 giorni di cronologia degli aggiornamenti del canale), e WhatsApp (che ne verificherà la conformità con le Linee guida).

Per mantenere alto l’interesse degli iscritti:

  • mantieni i testi brevi, mirati e centrati su un argomento specifico
  • condividi informazioni utili, strategie per risparmiare tempo o le più recenti indicazioni operative
  • tieniti aggiornato e sii tempestivo

Gli admin hanno a disposizione una serie di metriche relative al canale: numero di iscritti, conteggi per gli aggiornamenti del canale e numero e tipo di reazioni.

Al momento il  canale può avere un solo amministratore, quindi gestito solo dal numero di telefono con cui è stato creato, e per ora non si possono modificare gli aggiornamenti condivisi in un canale. Ma l’aggiunta di nuove funzionalità, anche in base al feedback degli utenti, è già stata annunciata da Meta.

 

Grafica canali whatsapp

Continua a leggere:

Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli. Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste

Leggi Tutto »

Le aziende non potranno più chattare coi clienti tramite App e servizi Google come Maps e Search

A breve non sarà più possibile contattare le aziende tramite #chat usando #App e servizi #Google come #Maps e il motore di ricerca. Il colosso tecnologico di Mountain View ha annunciato di recente la #chiusura del #software #BusinessMessages. Questo servizio verrà definitivamente disattivato nel mese di luglio, con una portata che coinvolgerà utenti e aziende a livello globale. Le notifiche via email sono già state inviate alle imprese interessate, incluse quelle in Italia. Google Business Messages era un servizio a partecipazione volontaria, conosciuto anche come “opt-in”. Questo significava che le aziende potevano scegliere di attivare questa funzionalità, che aggiungeva un

Leggi Tutto »

Approvata l’AI Act, la prima normativa al mondo che regola l’intelligenza artificiale

L’AI Act rappresenta la prima legge mondiale concepita per #regolamentare l’intelligenza artificiale. Inizialmente si prevedeva che sarebbe entrato in vigore entro un anno o un anno e mezzo dalla sua approvazione, ma ora sappiamo che sarà operativo ufficialmente tra due anni. Questa #normativa si distingue per la classificazione delle intelligenze artificiali in tre categorie di rischio ben definite: La prima categoria comprende le applicazioni che presentano un rischio inaccettabile, come quelle che utilizzano il punteggio sociale, la manipolazione psicologica o la raccolta di dati biometrici, che sono vietate senza eccezioni. La seconda categoria riguarda le applicazioni ad alto rischio, che

Leggi Tutto »

Laboratorio segreto a Zurigo, Apple “ruba” esperti a Google

Nel cuore di Zurigo, si sta svolgendo una trasformazione senza precedenti. #Apple, nota per la sua prudenza nel campo delle nuove tecnologie, sembra finalmente aver abbracciato pienamente il potenziale dell’Intelligenza Artificiale, colmando rapidamente il divario con i concorrenti del settore. Le ultime mosse dell’azienda suggeriscono l’imminente introduzione di funzionalità AI di ultima generazione sui prossimi sistemi operativi e dispositivi. Secondo quanto riportato dal Financial Times, Apple ha reclutato numerosi esperti in #AI, provenienti in gran parte da Google, per creare un vero e proprio “laboratorio segreto” nel cuore di Zurigo. Questa sede ospita un team dedicato allo sviluppo di nuovi

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?