OpenAi interrompe il servizio di ChatGPT in Italia

La startup OpenAi, che ha sviluppato la famosa chatbot conversazionale, ha deciso di disabilitare il servizio a ChatGPT in Italia dopo che il Garante della privacy ha imposto un blocco, temporaneo, del trattamento dei dati personali degli utenti ( 30 marzo 2023).

OpenAi ha scelto di sospendere l'accesso per rispettare le indicazioni del Garante, ma avrà 20 giorni di tempo per rispondere e spiegare come rispetta il GDPR, pena una sanzione fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato globale annuo. 

Il Garante ha anche evidenziato la mancanza di una informativa sul trattamento dei dati degli utenti e degli interessati, l'inesattezza delle risposte fornite da ChatGPT e l'assenza di un filtro per controllare l'età dei minori che lo usano, esponendoli a risposte inadeguate rispetto al loro grado di sviluppo e autoconsapevolezza.

OpenAi ha riconosciuto l'uso di dati personali, ma ha affermato di rispettare le regole sulla riservatezza delle informazioni e di offrire la possibilità di richiedere modifica, cancellazione e trasferimento dei dati personali. La Startup è pronta a difendere le sue posizioni e ottenere una revoca della sospensione dal trattamento dei dati.

Dopo l’'istruttoria del Garante, la testata giornalistica WIRED ha contattato l'azienda per conoscere anche l’altra versione dei fatti:

“Abbiamo disabilitato ChatGPT per gli utenti in Italia secondo la richiesta del Garante italiano. Siamo impegnati a proteggere la privacy delle persone e riteniamo di aver rispettato il Gdpr altre leggi sulla privacy. Siamo attivamente impegnati a ridurre i dati personali nell'addestramento dei nostri sistemi di Ai come ChatGPT perché vogliamo che le nostre Ai imparino informazioni sul mondo, non rispetto a singoli individui. Crediamo che una regolamentazione sull'Ai sia necessaria, quindi intendiamo lavorare a stretto contatto con il garante ed educarli su come i nostri sistemi sono costruiti e utilizzati. I nostri utenti in Italia ci hanno fatto sapere che reputano ChatGPT utile per attività quotidiane e ci aspettiamo di poter rendere il servizio disponibile di nuovo quanto prima”.

Come chiosa, il fondatore Sam Altman ha twittato:  “Italy is one of my favorite countries and I look forward to visiting again soon!” (L’Italia è uno dei miei paesi preferiti e non vedo l’ora di tornarci!”). 

Molto più abbottonata sull’argomento la stessa Chat GPT che a domanda risponde:

“Mi dispiace, ma non sono programmato per avere posizioni o opinioni personali poiché sono un'intelligenza artificiale. Tuttavia, per rispondere alla tua domanda, il mio servizio funziona ovunque ci sia una connessione Internet disponibile. Inoltre, rispetto la decisione del garante della privacy in Italia e mi sto adeguando alle leggi e normative nazionali e internazionali per garantire la protezione dei dati dei miei utenti.”

Continua a leggere:

Corsa ai servizi mobili, la rivoluzione promessa dalle reti 6G

Ormai è chiaro che la tanto attesa rivoluzione annunciata dalle reti #5G stia ancora aspettando di manifestare appieno i suoi frutti. Sebbene lo sviluppo delle infrastrutture stia procedendo, gli operatori si concentrano ora sull’ottimizzazione del processo di implementazione su vasta scala. Tuttavia, in un ambito parallelo, l’industria delle telecomunicazioni sta da tempo plasmando il futuro, dedicandosi alla definizione della tecnologia destinata a modellare i sistemi di trasmissione dati, le applicazioni in mobilità e i servizi di connettività della prossima era digitale: il #6G. Le specifiche delle reti di sesta generazione sono attualmente in fase di sviluppo da parte del #3GPP,

Leggi Tutto »

Intelligenza Artificiale al Servizio dell’Editoria: la partnership con Vivere

L’integrazione dell’#intelligenzaartificiale nel settore dell’#editoria sta rivoluzionando il modo in cui le informazioni vengono concepite e distribuite, rappresentando un passo significativo nel costante adattamento delle industrie alla tecnologia moderna. Un esempio tangibile di questa trasformazione è la partnership rafforzata tra #Sigmar e Michele Pinto, editore del rinomato #networkVivere. Il network, che registra oltre 47 milioni di visite annuali, comprende siti di rilievo come VivereSenigallia e VivereAncona, oltre a più di 200 quotidiani sparsi in tutta Italia. Sigmar, da tempo partner tecnologico del gruppo Vivere, ha recentemente rafforzato l’impegnato nell’ottimizzazione delle piattaforme e nella gestione delle migliorie tecniche per sostenere il

Leggi Tutto »

OpenAI, Nvidia e Amazon investono in Robot umanoidi

Dopo il trionfo di Dall-E e #ChatGPT, #OpenAI mira al prossimo traguardo: sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale per far operare #robotumanoidi parlanti e introdurli rapidamente sul mercato. Per realizzare questo ambizioso obiettivo, la compagnia, guidata da Sam Altman, ha stretto una collaborazione con Figure AI, una startup impegnata nella creazione dei primi robot umanoidi accessibili al pubblico. Secondo quanto riferisce Business Insider, l’accordo tra OpenAI e #FigureAI mira ad “accelerare le tempistiche commerciali di Figure”, potenziando la capacità dei suoi robot di interagire con gli esseri umani, elaborare informazioni e rispondere ai comandi. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo delle

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?