Nuovi modelli di business: protezione degli account Social a pagamento

La nuova frontiera del Social Customer Service: se non riesci a risolvere un problema che fai? Scegli un approccio alternativo.

Ed ecco che Meta e Twitter, impotenti contro le armate di bot, spam, hacker black hat e furti d'identità hanno scelto di addebitare il costo della sicurezza sui propri utenti.

Meta Verified, lanciato a febbraio, monitora attivamente le duplicazioni del profilo e garantisce un livello in più di sicurezza rispetto a furti di identità.

Zuckerberg vorrebbe convincere 12 milioni di utenti entro il 2024. Alle polemiche replica garantendo che la sicurezza di base continuerà ad essere garantita dall’azienda per tutti gli iscritti ( però solo i paganti avranno accesso ad un operatore di customer care umano).

Per ora è in fase di testing in Australia e Nuova Zelanda al prezzo di 11,99$/mese (da web) e 14,99$/mese (da app store).

Ben poca differenza con l’analogo di Musk, Twitter Blue, già diffuso in 35 paesi ma non ancora arrivato sulla penisola.

Questo abbonamento premium (11 $/mese da iOs e 8 $/mese da browser) aggiunge la spunta blu al tuo account. Con la feature finora riservata solo ai vip, è garantito l’accesso in anteprima a nuove funzioni scelte, come la modifica Tweet.

Ma non è tutto. A partire dalla fine di marzo, gli utenti non-Blue non avranno più accesso al sistema di autenticazione a due fattori di Twitter via sms (se la funzione non viene disabilitata, l’account potrebbe essere disconnesso dopo quella data).

Sembrerebbe un servizio costruito per le esigenze dei creators e dei profili business.

E l’utente medio? Resta vulnerabile agli attacchi cyber e al furto di identità.

Probabilmente Musk se ne preoccupa quanto i 5000 dipendenti che ha licenziato (dati aggiornati marzo 2023 ndr).

Secondo gli ultimi sondaggi, quelli subiti attraverso i social network rappresentano circa il 3% di tutti gli attacchi alle nostre informazioni personali. Gli addetti ai lavori sono preoccupati e ritengono dannose le scelte aziendali pay-to-play.

A tutti gli effetti è come offrire ai Blue non una nuova serratura di sicurezza ma una nuova casa!

Una casa più sicura ed affidabile, solo per chi può permetterselo.

 

Continua a leggere:

Corsa ai servizi mobili, la rivoluzione promessa dalle reti 6G

Ormai è chiaro che la tanto attesa rivoluzione annunciata dalle reti #5G stia ancora aspettando di manifestare appieno i suoi frutti. Sebbene lo sviluppo delle infrastrutture stia procedendo, gli operatori si concentrano ora sull’ottimizzazione del processo di implementazione su vasta scala. Tuttavia, in un ambito parallelo, l’industria delle telecomunicazioni sta da tempo plasmando il futuro, dedicandosi alla definizione della tecnologia destinata a modellare i sistemi di trasmissione dati, le applicazioni in mobilità e i servizi di connettività della prossima era digitale: il #6G. Le specifiche delle reti di sesta generazione sono attualmente in fase di sviluppo da parte del #3GPP,

Leggi Tutto »

Intelligenza Artificiale al Servizio dell’Editoria: la partnership con Vivere

L’integrazione dell’#intelligenzaartificiale nel settore dell’#editoria sta rivoluzionando il modo in cui le informazioni vengono concepite e distribuite, rappresentando un passo significativo nel costante adattamento delle industrie alla tecnologia moderna. Un esempio tangibile di questa trasformazione è la partnership rafforzata tra #Sigmar e Michele Pinto, editore del rinomato #networkVivere. Il network, che registra oltre 47 milioni di visite annuali, comprende siti di rilievo come VivereSenigallia e VivereAncona, oltre a più di 200 quotidiani sparsi in tutta Italia. Sigmar, da tempo partner tecnologico del gruppo Vivere, ha recentemente rafforzato l’impegnato nell’ottimizzazione delle piattaforme e nella gestione delle migliorie tecniche per sostenere il

Leggi Tutto »

OpenAI, Nvidia e Amazon investono in Robot umanoidi

Dopo il trionfo di Dall-E e #ChatGPT, #OpenAI mira al prossimo traguardo: sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale per far operare #robotumanoidi parlanti e introdurli rapidamente sul mercato. Per realizzare questo ambizioso obiettivo, la compagnia, guidata da Sam Altman, ha stretto una collaborazione con Figure AI, una startup impegnata nella creazione dei primi robot umanoidi accessibili al pubblico. Secondo quanto riferisce Business Insider, l’accordo tra OpenAI e #FigureAI mira ad “accelerare le tempistiche commerciali di Figure”, potenziando la capacità dei suoi robot di interagire con gli esseri umani, elaborare informazioni e rispondere ai comandi. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo delle

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?