Quanto male fanno le AI al diritto d’autore?

Tre artisti hanno deciso di intentare una causa legale contro Stability.ai e Midjourney, due popolari intelligenze artificiali generative. Entrambe permettono di creare immagini a partire da un semplice input, ma la questione è se le opere generate sono originali. Per funzionare, queste IA utilizzano un modello di rete neurale addestrato con un vasto archivio di opere d'arte e disegni di artisti veri, quindi c'è chi contesta l'idea che un'IA possa inventare un'opera originale.

Esistono due questioni principali riguardo alla creazione di opere d'arte tramite intelligenze artificiali generative. La prima riguarda il fatto che per creare tali IA, è necessario utilizzare dataset composti da milioni di opere d'arte, spesso raccolte senza il consenso degli artisti attraverso l'utilizzo di strumenti che automatizzano il processo di raccolta. La seconda questione riguarda il fatto che le creazioni delle IA sono essenzialmente una rielaborazione di ciò che le IA hanno “appreso” attraverso questi dataset. Quando si chiede ad un'IA di creare un'immagine di una donna, l'IA si limiterà a replicare ciò che ha imparato dai suoi dataset, composti da milioni di disegni reali. Dunque, i capelli dell'immagine generata potrebbero essere una somma di migliaia di stili di altrettanti artisti reali. La domanda è se questa “ispirazione” debba essere considerata una violazione del copyright o se, essendo il risultato del lavoro dell'IA la somma di così tanti artisti, si possa effettivamente parlare di una creazione originale. Inoltre, è importante considerare che l'IA ha imparato a disegnare imitando lo stile di milioni di artisti, e non ha riprodotto quello di uno solo.

I tre artisti hanno oltre ad aver intrapreso un'azione legale contro Stability.ai, Midjourney lo hanno fatta anche verso DevianArt, una piattaforma di condivisione di opere d'arte, accusandoli di violazione del diritto d'autore e tradimento della comunità degli artisti. Il caso è complesso poiché le intelligenze artificiali utilizzate per creare le opere attingono a grandi quantità di dati di opere d'arte esistenti e la questione dell'originalità delle opere generate è ancora poco chiara. Inoltre, la causa sembra basarsi su una comprensione errata del funzionamento delle tecnologie in questione.

Non è garantito che gli artisti ottengano il riconoscimento legale che cercano, ovvero che le opere create dalle IA come Stability.ai e Midjourney violino il diritto d'autore. Inoltre, secondo il sito Techno Lama, la causa collettiva sembra poggiare su fondamenta incerte, poiché si basa su una comprensione errata e scorretta del funzionamento effettivo delle tecnologie coinvolte.

Continua a leggere:

Corsa ai servizi mobili, la rivoluzione promessa dalle reti 6G

Ormai è chiaro che la tanto attesa rivoluzione annunciata dalle reti #5G stia ancora aspettando di manifestare appieno i suoi frutti. Sebbene lo sviluppo delle infrastrutture stia procedendo, gli operatori si concentrano ora sull’ottimizzazione del processo di implementazione su vasta scala. Tuttavia, in un ambito parallelo, l’industria delle telecomunicazioni sta da tempo plasmando il futuro, dedicandosi alla definizione della tecnologia destinata a modellare i sistemi di trasmissione dati, le applicazioni in mobilità e i servizi di connettività della prossima era digitale: il #6G. Le specifiche delle reti di sesta generazione sono attualmente in fase di sviluppo da parte del #3GPP,

Leggi Tutto »

Intelligenza Artificiale al Servizio dell’Editoria: la partnership con Vivere

L’integrazione dell’#intelligenzaartificiale nel settore dell’#editoria sta rivoluzionando il modo in cui le informazioni vengono concepite e distribuite, rappresentando un passo significativo nel costante adattamento delle industrie alla tecnologia moderna. Un esempio tangibile di questa trasformazione è la partnership rafforzata tra #Sigmar e Michele Pinto, editore del rinomato #networkVivere. Il network, che registra oltre 47 milioni di visite annuali, comprende siti di rilievo come VivereSenigallia e VivereAncona, oltre a più di 200 quotidiani sparsi in tutta Italia. Sigmar, da tempo partner tecnologico del gruppo Vivere, ha recentemente rafforzato l’impegnato nell’ottimizzazione delle piattaforme e nella gestione delle migliorie tecniche per sostenere il

Leggi Tutto »

OpenAI, Nvidia e Amazon investono in Robot umanoidi

Dopo il trionfo di Dall-E e #ChatGPT, #OpenAI mira al prossimo traguardo: sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale per far operare #robotumanoidi parlanti e introdurli rapidamente sul mercato. Per realizzare questo ambizioso obiettivo, la compagnia, guidata da Sam Altman, ha stretto una collaborazione con Figure AI, una startup impegnata nella creazione dei primi robot umanoidi accessibili al pubblico. Secondo quanto riferisce Business Insider, l’accordo tra OpenAI e #FigureAI mira ad “accelerare le tempistiche commerciali di Figure”, potenziando la capacità dei suoi robot di interagire con gli esseri umani, elaborare informazioni e rispondere ai comandi. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo delle

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?