SEO e Amazon, cosa fare per ottimizzare i propri prodotti

Amazon, nel bene o nel male, è entrato nelle case e negli smartphone di tutti gli italiani. D’altronde il modo estremamente smart con cui permette di fare acquisti, unito ai tempi brevissimi di consegna sono i fattori a cui il colosso di Jeff Bezos deve la sua fortuna.

L’elevato utilizzo di questa piattaforma ha definitivamente aumentato l’interesse di chi vuole promuovere i propri prodotti, ma quali passi fare per essere trovati dai potenziali acquirenti? In questa guida, vi illustreremo come fare SEO su Amazon e quali aspetti potrebbero aiutarvi ad ottimizzare le vostre schede.

Amazon, come funziona?

La piattaforma di e-commerce creata da Jeff Bezos ha un funzionamento decisamente semplice. Infatti, opera come Google, l’utente fa una ricerca inserendo delle parole chiave ed il programma mostra all’utente i risultati corrispondenti, e proprio come il motore di ricerca statunitense le persone prestano più attenzione ai risultati in prima pagina e meno ai prodotti presenti nelle pagine successive.

Se quindi siete intenzionati a vendere su Amazon è d’obbligo avere un buon posizionamento, difatti, più in alto il vostro prodotto si trova, maggiori saranno le opportunità di vendita. Mettiamola così, se siete posizionati dalla terza pagina in poi, è più redditizio fare il porta a porta.

A9 questo sconosciuto

Il posizionamento di un prodotto su Amazon viene calcolato e determinato da un algoritmo noto come A9. Visto che questo sistema è in grado di decidere se posizionare più o meno bene il vostro prodotto, cerchiamo di capire come opera.

Parole Chiave: Proprio come su Google, Amazon filtra i prodotti rilevanti ricorrendo alle parole chiave. Nel caso un prodotto non contenga tutte le parole chiave della query di ricerca, non verrà visualizzato tra i risultati.

Prestazioni dei prodotti: Il secondo passaggio che l’algoritmo segue è collegato alla probabilità di acquisto dei prodotti, classficandoli di conseguenza. Le prestazioni si basano sul Click-Through Rate (percentuale di click nei risultati di ricerca) e sul Conversion Rate (tasso di conversione della pagina prodotto). Questi indici servono ad Amazon per comprendere quanti passaggi effettua un utente per acquistare quel determinato prodotto. Al fine di migliorare queste metriche, le vendite ed il vostro posizionamento potrete ricorrere ad una discreta varietà di “leve”, come la gestione delle recensioni, immagini dei prodotti e Amazon PPC (Pay Per Click). Dopo che avrai facilitato all’utente la ricerca del tuo prodotto e che lo stesso si dimostri qualitativamente buono (riscuotendo recensioni positive), i click aumenteranno drasticamente.

Le paroline magiche…

Detto questo, siete pronti per realizzare la vostra scheda e creare dei contenuti che attirino l’attenzione dei clienti. Però è necessario affrontare prima il discorso Parole Chiave. Infatti, utilizzando le giuste keyword e non esagerando nell’inserimento delle stesse, il vostro prodotto beneficerà di un boost di visibilità. Scopriamo assieme come si comporta il famoso algoritmo A9 e come Amazon tratta le Parole Chiave contenute nella vostra scheda prodotto.

È importante dove inserisco le parole chiave? La funzionalità che forniva una diversa importanza alle parole inserite in base ai campi specifici è stata eliminata nell’ottobre 2018. Quindi, non importa dove inserite le parole, è però necessario che le stesse si trovino nei campi indicizzati;

Branding: Utilizzare il tuo marchio/brand come Parola Chiave non offre opportunità di ottimizzazione;

Titolo: Amazon ha una serie di guide che parlano di come utilizzare al meglio la sua piattaforma, ma per facilitarvi l’impresa vi diciamo che il colosso dell’e-commerce statunitense non ama i titoli troppo lunghi, eliminando in alcuni casi le inserzioni che li contengono;

Utilizzare gli elenchi puntati: In alcuni casi, Amazon si limita ad indicizzare i primi 1000 byte (includendo gli spazi). Quindi tutte le keyword che superino tale limite non verranno prese in considerazione. Al fine di agevolare l’indicizzazione da parte di Amazon e la lettura da parte del compratore, lavorate molto con gli elenchi puntati ed inseriteci testi che non superino i 200 byte

Come realizzare un testo utile alla vendita

Se volete vendere i vostri prodotti, concentratevi sulle dinamiche SEO di Amazon. Ecco quali aspetti approfondire:

Titolo del prodotto (breve, ma catchy);

Attributi/Qualità/Vantaggi (elenco puntato);

Descrizione del prodotto;

Ulteriori informazioni.

Road to Amazon’s Choice

Una volta che avrete seguito questi piccoli consigli e ricordato l’importanza della SEO anche su Amazon, non ci vorrà molto tempo prima che vi accorgiate dell’incremento delle vendite. Inoltre, se riuscirete a far risaltare il vostro prodotto come “il migliore della categoria” la stessa Amazon vi premierà con il badge Amazon’s Choice, il quale sarà utile anche per le aziende che hanno scelto di ricorrere alle funzionalità collegate ad Alexa.

Continua a leggere:

Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli. Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste

Leggi Tutto »

Le aziende non potranno più chattare coi clienti tramite App e servizi Google come Maps e Search

A breve non sarà più possibile contattare le aziende tramite #chat usando #App e servizi #Google come #Maps e il motore di ricerca. Il colosso tecnologico di Mountain View ha annunciato di recente la #chiusura del #software #BusinessMessages. Questo servizio verrà definitivamente disattivato nel mese di luglio, con una portata che coinvolgerà utenti e aziende a livello globale. Le notifiche via email sono già state inviate alle imprese interessate, incluse quelle in Italia. Google Business Messages era un servizio a partecipazione volontaria, conosciuto anche come “opt-in”. Questo significava che le aziende potevano scegliere di attivare questa funzionalità, che aggiungeva un

Leggi Tutto »

Approvata l’AI Act, la prima normativa al mondo che regola l’intelligenza artificiale

L’AI Act rappresenta la prima legge mondiale concepita per #regolamentare l’intelligenza artificiale. Inizialmente si prevedeva che sarebbe entrato in vigore entro un anno o un anno e mezzo dalla sua approvazione, ma ora sappiamo che sarà operativo ufficialmente tra due anni. Questa #normativa si distingue per la classificazione delle intelligenze artificiali in tre categorie di rischio ben definite: La prima categoria comprende le applicazioni che presentano un rischio inaccettabile, come quelle che utilizzano il punteggio sociale, la manipolazione psicologica o la raccolta di dati biometrici, che sono vietate senza eccezioni. La seconda categoria riguarda le applicazioni ad alto rischio, che

Leggi Tutto »

Laboratorio segreto a Zurigo, Apple “ruba” esperti a Google

Nel cuore di Zurigo, si sta svolgendo una trasformazione senza precedenti. #Apple, nota per la sua prudenza nel campo delle nuove tecnologie, sembra finalmente aver abbracciato pienamente il potenziale dell’Intelligenza Artificiale, colmando rapidamente il divario con i concorrenti del settore. Le ultime mosse dell’azienda suggeriscono l’imminente introduzione di funzionalità AI di ultima generazione sui prossimi sistemi operativi e dispositivi. Secondo quanto riportato dal Financial Times, Apple ha reclutato numerosi esperti in #AI, provenienti in gran parte da Google, per creare un vero e proprio “laboratorio segreto” nel cuore di Zurigo. Questa sede ospita un team dedicato allo sviluppo di nuovi

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?