Da Google ed Apple arriva la nuova tecnologia per il Contact Tracing

Grandi novità arrivano da oltreoceano, infatti, Apple e Google hanno predisposto un sistema che detterà gli standard in ambito Contact Tracing. Le società hanno già attivato l’impianto tecnologico che permetterà agli smartphone di comunicare attraverso lo standard di trasmissione dati wireless Bluetooth e a breve sarà disponibile tramite aggiornamento nei dispositivi di tutto il mondo.

La tecnologia offerta dai due colossi statunitensi è già a disposizione dei governi, che attraverso il protocollo in questione potranno superare senza difficoltà tutti quei problemi collegati alla realizzazione tecnica degli applicativi, il tutto permetterà anche di non gravare eccessivamente sulle batterie degli utenti.

Tra gli Stati che hanno accolto a braccia aperte l’insolita collaborazione delle due aziende, c’è l’Italia, che ha scelto il modello di tracciamento offerto da Google ed Apple per integrarlo all’app Immuni. Infatti, nel Bel Paese il 99% degli smartphone utilizza un sistema operativo iOS o Android, tali numeri offrono la possibilità di rientrare nel quantitativo minimo di installazione utile affinché l’applicazione sortisca gli effetti desiderati.

A cosa serve?

Il Contact Tracing tradizionale potrà beneficiare enormemente dall’opportunità offerta da Apple e Google, ad ora, il primo risulta ancora incompleto ed ancora dotato di difetti. Infatti, se un soggetto affetto da COVID-19 è obbligato a compilare un questionario utile a ripercorrere i contatti avuti in precedenza, è necessario che tali dati siano dettagliati e privi di omissioni volontarie. Grazie al sistema offerto dai due colossi statunitensi, le API offerte permetteranno di ricostruire con estrema precisione il numero di contatti avuti durante i 14 giorni precedenti.

I contatti che verranno registrati sono tutti quelli di persone che abbiamo incontrato, volontariamente o meno. Il software in questione ci fornirà la mappa delle esposizioni, evitando la raccolta di dati inutili, come le identità dei soggetti, quindi la Privacy è salvaguardata. In virtù di questo fatto, i due colossi tech non fanno riferimento a questa pratica con il nome di Contact Tracing, bensì di Exposure Notification (Notifica di Esposizione).

Come utilizzare il protocollo: i paletti per i diversi Stati

Il software, non raccoglierà alcun dato relativo alla geolocalizzazione, trasformando tutti i dati raccolti in codici anonimi e crittografati, e vengono memorizzati all’interno del dispositivo di chi scarica l’app e non all’interno di un server unico centralizzato. L’intero accordo collegato a questa tecnologia terminerà appena l’emergenza sanitaria sarà conclusa. Infatti, una volta conclusa, tutte le app, compresa Immuni, non avranno senso di esistere.

All’interno del documento d’accompagnamento alla pubblicazione delle API sono incluse anche le indicazioni utili ai Governi nazionali:

Le Applicazioni devono essere realizzate solo dai Sistemi Sanitari Nazionali;

È necessario richiedere il consenso degli utenti prima che gli stessi condividano il risultato del relativo test al COVID-19;

Dovranno essere raccolti solo i dati necessari, e tali dati non dovranno essere utilizzati a scopo di lucro;

Non dovrà mai essere richiesto l’accesso alla geolocalizzazione.

Il Ministro per l’Innovazione ha inoltre detto che “L'applicazione di tracciamento dei contatti usufruisce dei sistemi operativi forniti da due gruppi di livello internazionale, perché questo ne accresce l'efficienza in un quadro di tutela della privacy”. Inoltre, l’efficienza offerta dal sistema creato da Apple e Google permette alle diverse app governative di interagire con quelle degli stati esteri, permettendo di fatto un controllo maggiormente capillare.

 

Continua a leggere:

Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli. Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste

Leggi Tutto »

Le aziende non potranno più chattare coi clienti tramite App e servizi Google come Maps e Search

A breve non sarà più possibile contattare le aziende tramite #chat usando #App e servizi #Google come #Maps e il motore di ricerca. Il colosso tecnologico di Mountain View ha annunciato di recente la #chiusura del #software #BusinessMessages. Questo servizio verrà definitivamente disattivato nel mese di luglio, con una portata che coinvolgerà utenti e aziende a livello globale. Le notifiche via email sono già state inviate alle imprese interessate, incluse quelle in Italia. Google Business Messages era un servizio a partecipazione volontaria, conosciuto anche come “opt-in”. Questo significava che le aziende potevano scegliere di attivare questa funzionalità, che aggiungeva un

Leggi Tutto »

Approvata l’AI Act, la prima normativa al mondo che regola l’intelligenza artificiale

L’AI Act rappresenta la prima legge mondiale concepita per #regolamentare l’intelligenza artificiale. Inizialmente si prevedeva che sarebbe entrato in vigore entro un anno o un anno e mezzo dalla sua approvazione, ma ora sappiamo che sarà operativo ufficialmente tra due anni. Questa #normativa si distingue per la classificazione delle intelligenze artificiali in tre categorie di rischio ben definite: La prima categoria comprende le applicazioni che presentano un rischio inaccettabile, come quelle che utilizzano il punteggio sociale, la manipolazione psicologica o la raccolta di dati biometrici, che sono vietate senza eccezioni. La seconda categoria riguarda le applicazioni ad alto rischio, che

Leggi Tutto »

Laboratorio segreto a Zurigo, Apple “ruba” esperti a Google

Nel cuore di Zurigo, si sta svolgendo una trasformazione senza precedenti. #Apple, nota per la sua prudenza nel campo delle nuove tecnologie, sembra finalmente aver abbracciato pienamente il potenziale dell’Intelligenza Artificiale, colmando rapidamente il divario con i concorrenti del settore. Le ultime mosse dell’azienda suggeriscono l’imminente introduzione di funzionalità AI di ultima generazione sui prossimi sistemi operativi e dispositivi. Secondo quanto riportato dal Financial Times, Apple ha reclutato numerosi esperti in #AI, provenienti in gran parte da Google, per creare un vero e proprio “laboratorio segreto” nel cuore di Zurigo. Questa sede ospita un team dedicato allo sviluppo di nuovi

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?