Nel 2023 sono stati bloccati 9.000 annunci al minuto, a riportarlo è il Google Ads Safety Report

Google ha recentemente pubblicato il suo #rapporto annuale sulla sicurezza degli annunci, il “Report sulla #sicurezza degli #annunci 2023”, che esamina le iniziative intraprese per garantire un’esperienza pubblicitaria più sicura nel suo ecosistema. L’obiettivo principale di questo rapporto è quello di condividere i progressi compiuti nell’applicazione delle politiche per #inserzionisti e #publisher. Una delle principali tendenze emerse nel 2023, come evidenziato nel rapporto, è stata l’impatto significativo dell’intelligenza artificiale generativa nel settore della pubblicità digitale. Questo ha portato a cambiamenti sostanziali, ma ha anche presentato nuove sfide per gli utenti.

Duncan Lennox, Vice Presidente e General Manager della Privacy e Sicurezza degli Annunci di #Google, ha fornito un resoconto dettagliato del Report sulla sicurezza degli annunci 2023 nel suo post sul blog ufficiale. Ha discusso dei numeri significativi emersi dal rapporto, dell’utilizzo dei Large Language Model (LLM) per l’applicazione delle politiche e ha fatto particolare enfasi sugli annunci politici in relazione alle elezioni.

Per quanto riguarda i numeri, nel corso del 2023, sono stati #bloccati o rimossi da Google oltre 5,5 miliardi di annunci che violavano le politiche. Questo significa che più di 9.000 annunci sono stati rimossi ogni minuto. Inoltre, sono stati limitati oltre 6,9 miliardi di annunci e sospesi più di 12,7 milioni di account inserzionisti per gravi violazioni delle politiche, quasi il doppio rispetto all’anno precedente. Sono stati rimossi gli annunci da oltre 2,1 miliardi di pagine e sono state aggiunte o aggiornate 31 politiche per inserzionisti e publisher.

Il 2023 ha visto un aumento delle truffe e delle frodi su tutte le piattaforme online. I malintenzionati hanno continuato ad aggiornare le loro tattiche per manipolare la pubblicità digitale al fine di truffare persone e aziende. Per contrastare queste minacce in continua evoluzione, Google ha rapidamente aggiornato le politiche, istituito team di controllo a risposta rapida e migliorato le tecniche di rilevamento.

Per rafforzare ulteriormente l’applicazione delle politiche, Google ha iniziato a sfruttare i Large Language Model (LLM) nelle iniziative legate alla sicurezza degli annunci. Questo include l’integrazione delle capacità di Gemini, il più grande e potente modello di intelligenza artificiale di Google lanciato pubblicamente di recente. I LLM sono in grado di riconoscere rapidamente le nuove tendenze nei servizi finanziari, individuare i comportamenti ricorrenti utilizzati dai malintenzionati e distinguere tra attività legittime e fraudolente.

Google ha anche introdotto politiche sulla pubblicazione degli annunci con limitazioni per proteggere le persone, limitando la portata degli inserzionisti meno affidabili. Queste politiche prevedono un periodo di “conoscenza” per gli inserzionisti che non hanno ancora dimostrato di comportarsi correttamente. Nel complesso, sono stati bloccati o rimossi oltre 206,5 milioni di annunci pubblicitari per violazione della politica sulla rappresentazione ingannevole e 273,4 milioni di annunci pubblicitari per violazione della politica sui servizi finanziari. Sono stati inoltre bloccati o rimossi oltre 1 miliardo di annunci pubblicitari per violazione della politica contro l’abuso della rete pubblicitaria, inclusa la promozione di malware.

Nel 2023, Google ha verificato più di 5.000 nuovi inserzionisti elettorali e rimosso più di 7,3 milioni di annunci elettorali provenienti da inserzionisti non verificati. Inoltre, Google è stata la prima azienda tecnologica a richiedere la segnalazione degli annunci elettorali contenenti contenuti sintetici. Infine, nel corso del 2023 è stato lanciato il Centro per la trasparenza degli annunci, un hub che consente agli utenti di cercare tutti gli annunci degli inserzionisti verificati.

Continua a leggere:

Per dare una buona “assistenza clienti” una soluzione utile è il software di ticketing

Un #software di #ticketing è uno strumento essenziale per gestire clienti in modo rapido ed efficiente. Quando i clienti si sentono trascurati dalla tua azienda, la loro insoddisfazione può rapidamente trasformarsi in sfiducia, rendendo difficile mantenere buone relazioni. Un software di #gestioneclienti risolve questo problema, permettendo di rispondere immediatamente alle richieste e di evitare la confusione di email, chiamate e messaggi non tracciabili. Se le richieste di supporto sono poche, potresti non sentire il bisogno di un sistema di ticketing. Tuttavia, con l’aumento delle richieste giornaliere, diventa cruciale dotarsi di un #CRM per la gestione clienti. Ecco perché: Un software

Leggi Tutto »

Cosa c’è da sapere per rendere il proprio e-commerce sicuro e rispettare tutte le disposizioni del GDPR

Sebbene il #GDPR sia entrato in vigore già da qualche anno, molti rimangono incerti su come conformarsi correttamente, soprattutto nel contesto del business #digitale. Gli #e-commerce sono particolarmente coinvolti in questo tema, che affronteremo in questo articolo. Vogliamo rispondere a una domanda ancora molto comune: come possono gli e-commerce adeguarsi al GDPR? Per proteggere il proprio business e se stessi, specialmente se si è proprietari di un negozio online, è sufficiente prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto, è necessario monitorare tutti i servizi del proprio e-commerce che raccolgono dati sensibili degli utenti. Dopo aver identificato questi dati,

Leggi Tutto »

Come esercitare il diritto di opposizione verso Meta per l’utilizzo dei dati personali

Dal 26 giugno, #Meta ha iniziato a utilizzare i nostri #dati per addestrare l’intelligenza artificiale di #Facebook e #Instagram. Tuttavia, esiste un modo per impedire che le informazioni relative a post, immagini e video siano utilizzate a tale scopo. Ecco come fare. Esercitando il diritto di opposizione previsto dal #DigitalServicesAct, è possibile evitare che milioni di dati e informazioni siano impiegati per allenare l’AI generativa di Facebook e Instagram. Come si fa? Segui questi passaggi: Accedi al tuo profilo: clicca sulle tre linee in alto a destra. Naviga alle informazioni: scorri fino a trovare l’opzione “Informativa sulla #privacy”. Consulta l’informativa

Leggi Tutto »

Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli. Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?