Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli.

Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste attività sono tra i maggiori consumatori di energia nel settore ICT. Anche i social media, con milioni di utenti che caricano e scaricano contenuti in continuazione, contribuiscono notevolmente a questo problema.

Nonostante i progressi tecnologici che hanno reso i data center più efficienti dal punto di vista energetico, la crescente domanda di servizi digitali potrebbe annullare questi miglioramenti. Gli utenti possono aiutare a ridurre l’#impattoambientale adottando comportamenti più consapevoli, come abbassare la risoluzione dello streaming video o limitare il tempo trascorso sui social media.

Prendiamo come esempio l’invio di email: può sembrare un’azione insignificante, ma se si considerano tutte le email inviate quotidianamente, l’impatto diventa rilevante. Uno studio dell’Agenzia francese per l’ambiente e la gestione dell’energia (ADEME) ha rivelato che una singola email può produrre circa 19 grammi di CO2, considerando il consumo del computer e del server che gestisce l’email. Otto email producono la stessa quantità di CO2 generata da un’auto che percorre un chilometro.

Queste emissioni, sebbene possano sembrare minime per singola email, si sommano rapidamente, considerando i miliardi di email inviate ogni giorno. Si stima che le email possano contribuire fino a 150 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, rappresentando circa lo 0,3% dell’impronta di carbonio globale. Inoltre, caricare foto sui social media, condividere storie o postare video divertenti sono attività comuni che, sebbene abbiano un impatto ridotto singolarmente, diventano significative se sommate.

Caricare una singola foto su una piattaforma social produce circa 0,154 grammi di CO2, l’equivalente di percorrere 1,3 metri con un veicolo leggero. Tuttavia, il numero enorme di foto caricate quotidianamente rende questo impatto considerevole. Anche l’attività di scrolling sui social media, che molti di noi fanno senza pensarci, contribuisce all’inquinamento digitale. Scorrere il feed di un social può produrre fino a 1,549 grammi di CO2, l’equivalente di percorrere 13 metri con un veicolo leggero, circa dieci volte l’impatto di caricare una foto.Queste informazioni dovrebbero farci riflettere sull’impatto ambientale delle nostre attività digitali quotidiane. Ridurre il numero di email inviate, limitare il tempo sui social media e adottare altre pratiche digitali sostenibili possono fare una grande differenza per il nostro pianeta.

Continua a leggere:

Per dare una buona “assistenza clienti” una soluzione utile è il software di ticketing

Un #software di #ticketing è uno strumento essenziale per gestire clienti in modo rapido ed efficiente. Quando i clienti si sentono trascurati dalla tua azienda, la loro insoddisfazione può rapidamente trasformarsi in sfiducia, rendendo difficile mantenere buone relazioni. Un software di #gestioneclienti risolve questo problema, permettendo di rispondere immediatamente alle richieste e di evitare la confusione di email, chiamate e messaggi non tracciabili. Se le richieste di supporto sono poche, potresti non sentire il bisogno di un sistema di ticketing. Tuttavia, con l’aumento delle richieste giornaliere, diventa cruciale dotarsi di un #CRM per la gestione clienti. Ecco perché: Un software

Leggi Tutto »

Cosa c’è da sapere per rendere il proprio e-commerce sicuro e rispettare tutte le disposizioni del GDPR

Sebbene il #GDPR sia entrato in vigore già da qualche anno, molti rimangono incerti su come conformarsi correttamente, soprattutto nel contesto del business #digitale. Gli #e-commerce sono particolarmente coinvolti in questo tema, che affronteremo in questo articolo. Vogliamo rispondere a una domanda ancora molto comune: come possono gli e-commerce adeguarsi al GDPR? Per proteggere il proprio business e se stessi, specialmente se si è proprietari di un negozio online, è sufficiente prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto, è necessario monitorare tutti i servizi del proprio e-commerce che raccolgono dati sensibili degli utenti. Dopo aver identificato questi dati,

Leggi Tutto »

Come esercitare il diritto di opposizione verso Meta per l’utilizzo dei dati personali

Dal 26 giugno, #Meta ha iniziato a utilizzare i nostri #dati per addestrare l’intelligenza artificiale di #Facebook e #Instagram. Tuttavia, esiste un modo per impedire che le informazioni relative a post, immagini e video siano utilizzate a tale scopo. Ecco come fare. Esercitando il diritto di opposizione previsto dal #DigitalServicesAct, è possibile evitare che milioni di dati e informazioni siano impiegati per allenare l’AI generativa di Facebook e Instagram. Come si fa? Segui questi passaggi: Accedi al tuo profilo: clicca sulle tre linee in alto a destra. Naviga alle informazioni: scorri fino a trovare l’opzione “Informativa sulla #privacy”. Consulta l’informativa

Leggi Tutto »

Nel 2023 sono stati bloccati 9.000 annunci al minuto, a riportarlo è il Google Ads Safety Report

Google ha recentemente pubblicato il suo #rapporto annuale sulla sicurezza degli annunci, il “Report sulla #sicurezza degli #annunci 2023”, che esamina le iniziative intraprese per garantire un’esperienza pubblicitaria più sicura nel suo ecosistema. L’obiettivo principale di questo rapporto è quello di condividere i progressi compiuti nell’applicazione delle politiche per #inserzionisti e #publisher. Una delle principali tendenze emerse nel 2023, come evidenziato nel rapporto, è stata l’impatto significativo dell’intelligenza artificiale generativa nel settore della pubblicità digitale. Questo ha portato a cambiamenti sostanziali, ma ha anche presentato nuove sfide per gli utenti. Duncan Lennox, Vice Presidente e General Manager della Privacy e

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?