La matrice FCB per individuare la tua strategia di marketing

#productmarketing #matriceFCB #funnel #growthhacking #strategiamarketing #tools

Oggi si parla solo di funnel e di growth hacking, tutti sembrano aver messo da parte il product marketing! Abbiamo forse dimenticato che le cose che acquistiamo sono diverse, ma ancora più diverso è l’approccio psicologico e cognitivo con il quale procediamo all’acquisto?

Nel Modello di elaborazione di Vaughn (griglia FCB), la valutazione del coinvolgimento si distingue in quattro aree diverse, sulla base del livello di partecipazione/obiettivo e dalla razionalità/emozionalità del target.

Il coinvolgimento è la misura dell’interesse dell’utente per il prodotto/servizio, generalmente è molto alto per i prodotti innovativi e costosi oppure i piccoli sfizi.
La percezione ha a che fare con l’utilità riscontrata.

In ascisse sono allora indicate le funzioni del cervello: nell’emisfero sinistro la razionalità e in quello destro l’emozionalità.

Informativo (Quadrante 1) – La comunicazione dovrà essere razionale, informativa, chiara e accessibile

Include prodotti costosi con alto livello di importanza che richiedono un’intensa riflessione per la decisione d’acquisto. L’utente prima raccoglie informazioni complete sul prodotto poi sente il bisogno di acquistarlo e infine lo acquista effettivamente.

Trasformazionale (Quadrante 2) – La comunicazione dovrà puntare sull’esclusività e l’emotività

Include prodotti di valore con attributi emotivi che richiedono un coinvolgimento del consumatore. L’utente prima sviluppa una connessione con il marchio o il prodotto, raccoglie informazioni e poi lo acquista.

Abitudinario (Quadrante 3) – La comunicazione dovrà puntare  alla convenienza

Include elementi essenziali quotidiani. L’utente è poco coinvolto e processa analiticamente le informazioni prima di prendere una decisione. Prima compra il prodotto, lo prova e determina se risolve lo scopo o meno, quindi sviluppa fiducia nel marchio. 

Emotivo (Quadrante 4) – La comunicazione dovrà puntare a creare campagne di awareness per creare un legame con il brand 

Include prodotti la cui acquisto è guidato dalle emozioni o dagli impulsi superficiali anche con basso coinvolgimento da parte dell’utente. Acquista il prodotto,si sente positivo o negativo riguardo all’acquisto, poi si informa successivamente su quel prodotto. 

Mettiamolo a confronto con:

  • il funnel informativo – dove vengono create le condizioni per essere a conoscenza del problema, della soluzione, del brand, del prodotto, in una serie infinita di infoprodotti;
  • il modello AARRR del growth hacking – dove il marchio si sacrifica per molta della strada del journey del cliente perché offre l’accesso gratuito a servizi per attrarre e fidelizzare l’utente.

Possiamo applicare il funnel informativo a step nei quadranti della FCB? 

Forse solo al quadrante in alto a destra. Gli altri ti porterebbero fuori strada facendoti perdere tempo e soldi.

Possiamo applicare il il paradigma AARRR nei quadranti della FCB?

Forse ai due in basso, a basso coinvolgimento, se continuiamo a vedere  la sottoscrizione di un abbonamento come unico modello vincente e sostenibile. I quadranti in alto sono da escludere perché prevedono un tipo di coinvolgimento che esclude la ripetitività semi-automatica dell’acquisto post-acquisizione dettata dal modello. 

La fedeltà  dei clienti è spesso più legata al settore e al prodotto, o al bisogno, che alla strategia di fidelizzazione.

Se vi state chiedendo perchè non funziona il vostro funnel o il vostro modello AARRR, ricorrete ad un auto-diagnosi basata sui vostri clienti reali con la matrice FCB.

Continua a leggere:

Corsa ai servizi mobili, la rivoluzione promessa dalle reti 6G

Ormai è chiaro che la tanto attesa rivoluzione annunciata dalle reti #5G stia ancora aspettando di manifestare appieno i suoi frutti. Sebbene lo sviluppo delle infrastrutture stia procedendo, gli operatori si concentrano ora sull’ottimizzazione del processo di implementazione su vasta scala. Tuttavia, in un ambito parallelo, l’industria delle telecomunicazioni sta da tempo plasmando il futuro, dedicandosi alla definizione della tecnologia destinata a modellare i sistemi di trasmissione dati, le applicazioni in mobilità e i servizi di connettività della prossima era digitale: il #6G. Le specifiche delle reti di sesta generazione sono attualmente in fase di sviluppo da parte del #3GPP,

Leggi Tutto »

Intelligenza Artificiale al Servizio dell’Editoria: la partnership con Vivere

L’integrazione dell’#intelligenzaartificiale nel settore dell’#editoria sta rivoluzionando il modo in cui le informazioni vengono concepite e distribuite, rappresentando un passo significativo nel costante adattamento delle industrie alla tecnologia moderna. Un esempio tangibile di questa trasformazione è la partnership rafforzata tra #Sigmar e Michele Pinto, editore del rinomato #networkVivere. Il network, che registra oltre 47 milioni di visite annuali, comprende siti di rilievo come VivereSenigallia e VivereAncona, oltre a più di 200 quotidiani sparsi in tutta Italia. Sigmar, da tempo partner tecnologico del gruppo Vivere, ha recentemente rafforzato l’impegnato nell’ottimizzazione delle piattaforme e nella gestione delle migliorie tecniche per sostenere il

Leggi Tutto »

OpenAI, Nvidia e Amazon investono in Robot umanoidi

Dopo il trionfo di Dall-E e #ChatGPT, #OpenAI mira al prossimo traguardo: sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale per far operare #robotumanoidi parlanti e introdurli rapidamente sul mercato. Per realizzare questo ambizioso obiettivo, la compagnia, guidata da Sam Altman, ha stretto una collaborazione con Figure AI, una startup impegnata nella creazione dei primi robot umanoidi accessibili al pubblico. Secondo quanto riferisce Business Insider, l’accordo tra OpenAI e #FigureAI mira ad “accelerare le tempistiche commerciali di Figure”, potenziando la capacità dei suoi robot di interagire con gli esseri umani, elaborare informazioni e rispondere ai comandi. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo delle

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?