La matrice FCB per individuare la tua strategia di marketing

#productmarketing #matriceFCB #funnel #growthhacking #strategiamarketing #tools

Oggi si parla solo di funnel e di growth hacking, tutti sembrano aver messo da parte il product marketing! Abbiamo forse dimenticato che le cose che acquistiamo sono diverse, ma ancora più diverso è l’approccio psicologico e cognitivo con il quale procediamo all’acquisto?

Nel Modello di elaborazione di Vaughn (griglia FCB), la valutazione del coinvolgimento si distingue in quattro aree diverse, sulla base del livello di partecipazione/obiettivo e dalla razionalità/emozionalità del target.

Il coinvolgimento è la misura dell’interesse dell’utente per il prodotto/servizio, generalmente è molto alto per i prodotti innovativi e costosi oppure i piccoli sfizi.
La percezione ha a che fare con l’utilità riscontrata.

In ascisse sono allora indicate le funzioni del cervello: nell’emisfero sinistro la razionalità e in quello destro l’emozionalità.

Informativo (Quadrante 1) – La comunicazione dovrà essere razionale, informativa, chiara e accessibile

Include prodotti costosi con alto livello di importanza che richiedono un’intensa riflessione per la decisione d’acquisto. L’utente prima raccoglie informazioni complete sul prodotto poi sente il bisogno di acquistarlo e infine lo acquista effettivamente.

Trasformazionale (Quadrante 2) – La comunicazione dovrà puntare sull’esclusività e l’emotività

Include prodotti di valore con attributi emotivi che richiedono un coinvolgimento del consumatore. L’utente prima sviluppa una connessione con il marchio o il prodotto, raccoglie informazioni e poi lo acquista.

Abitudinario (Quadrante 3) – La comunicazione dovrà puntare  alla convenienza

Include elementi essenziali quotidiani. L’utente è poco coinvolto e processa analiticamente le informazioni prima di prendere una decisione. Prima compra il prodotto, lo prova e determina se risolve lo scopo o meno, quindi sviluppa fiducia nel marchio. 

Emotivo (Quadrante 4) – La comunicazione dovrà puntare a creare campagne di awareness per creare un legame con il brand 

Include prodotti la cui acquisto è guidato dalle emozioni o dagli impulsi superficiali anche con basso coinvolgimento da parte dell’utente. Acquista il prodotto,si sente positivo o negativo riguardo all’acquisto, poi si informa successivamente su quel prodotto. 

Mettiamolo a confronto con:

  • il funnel informativo – dove vengono create le condizioni per essere a conoscenza del problema, della soluzione, del brand, del prodotto, in una serie infinita di infoprodotti;
  • il modello AARRR del growth hacking – dove il marchio si sacrifica per molta della strada del journey del cliente perché offre l’accesso gratuito a servizi per attrarre e fidelizzare l’utente.

Possiamo applicare il funnel informativo a step nei quadranti della FCB? 

Forse solo al quadrante in alto a destra. Gli altri ti porterebbero fuori strada facendoti perdere tempo e soldi.

Possiamo applicare il il paradigma AARRR nei quadranti della FCB?

Forse ai due in basso, a basso coinvolgimento, se continuiamo a vedere  la sottoscrizione di un abbonamento come unico modello vincente e sostenibile. I quadranti in alto sono da escludere perché prevedono un tipo di coinvolgimento che esclude la ripetitività semi-automatica dell’acquisto post-acquisizione dettata dal modello. 

La fedeltà  dei clienti è spesso più legata al settore e al prodotto, o al bisogno, che alla strategia di fidelizzazione.

Se vi state chiedendo perchè non funziona il vostro funnel o il vostro modello AARRR, ricorrete ad un auto-diagnosi basata sui vostri clienti reali con la matrice FCB.

Continua a leggere:

Per dare una buona “assistenza clienti” una soluzione utile è il software di ticketing

Un #software di #ticketing è uno strumento essenziale per gestire clienti in modo rapido ed efficiente. Quando i clienti si sentono trascurati dalla tua azienda, la loro insoddisfazione può rapidamente trasformarsi in sfiducia, rendendo difficile mantenere buone relazioni. Un software di #gestioneclienti risolve questo problema, permettendo di rispondere immediatamente alle richieste e di evitare la confusione di email, chiamate e messaggi non tracciabili. Se le richieste di supporto sono poche, potresti non sentire il bisogno di un sistema di ticketing. Tuttavia, con l’aumento delle richieste giornaliere, diventa cruciale dotarsi di un #CRM per la gestione clienti. Ecco perché: Un software

Leggi Tutto »

Cosa c’è da sapere per rendere il proprio e-commerce sicuro e rispettare tutte le disposizioni del GDPR

Sebbene il #GDPR sia entrato in vigore già da qualche anno, molti rimangono incerti su come conformarsi correttamente, soprattutto nel contesto del business #digitale. Gli #e-commerce sono particolarmente coinvolti in questo tema, che affronteremo in questo articolo. Vogliamo rispondere a una domanda ancora molto comune: come possono gli e-commerce adeguarsi al GDPR? Per proteggere il proprio business e se stessi, specialmente se si è proprietari di un negozio online, è sufficiente prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto, è necessario monitorare tutti i servizi del proprio e-commerce che raccolgono dati sensibili degli utenti. Dopo aver identificato questi dati,

Leggi Tutto »

Come esercitare il diritto di opposizione verso Meta per l’utilizzo dei dati personali

Dal 26 giugno, #Meta ha iniziato a utilizzare i nostri #dati per addestrare l’intelligenza artificiale di #Facebook e #Instagram. Tuttavia, esiste un modo per impedire che le informazioni relative a post, immagini e video siano utilizzate a tale scopo. Ecco come fare. Esercitando il diritto di opposizione previsto dal #DigitalServicesAct, è possibile evitare che milioni di dati e informazioni siano impiegati per allenare l’AI generativa di Facebook e Instagram. Come si fa? Segui questi passaggi: Accedi al tuo profilo: clicca sulle tre linee in alto a destra. Naviga alle informazioni: scorri fino a trovare l’opzione “Informativa sulla #privacy”. Consulta l’informativa

Leggi Tutto »

Nel 2023 sono stati bloccati 9.000 annunci al minuto, a riportarlo è il Google Ads Safety Report

Google ha recentemente pubblicato il suo #rapporto annuale sulla sicurezza degli annunci, il “Report sulla #sicurezza degli #annunci 2023”, che esamina le iniziative intraprese per garantire un’esperienza pubblicitaria più sicura nel suo ecosistema. L’obiettivo principale di questo rapporto è quello di condividere i progressi compiuti nell’applicazione delle politiche per #inserzionisti e #publisher. Una delle principali tendenze emerse nel 2023, come evidenziato nel rapporto, è stata l’impatto significativo dell’intelligenza artificiale generativa nel settore della pubblicità digitale. Questo ha portato a cambiamenti sostanziali, ma ha anche presentato nuove sfide per gli utenti. Duncan Lennox, Vice Presidente e General Manager della Privacy e

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?