AI Act: la prima legge al mondo per regolamentare l’IA?

La discussione sulle implicazioni etiche dell’IA avviata in diversi forum internazionali, sta portando alla definizione di alcuni principi guida per lo sviluppo e l’utilizzo delle tecnologie di intelligenza artificiale. Tra questi principi figurano trasparenza, responsabilità, imparzialità e privacy dei dati. 

Ciò comporta che le aziende che sviluppano e utilizzano tecnologie di IA debbano garantire la massima trasparenza sulle modalità di raccolta, elaborazione e utilizzo dei dati, assumendosi la responsabilità di eventuali danni causati dai loro algoritmi. Inoltre, l’IA deve essere imparziale e non discriminante, rispettando la diversità e i diritti umani.

Un approccio collaborativo tra enti pubblici e privati, per costruire un sistema di regolamentazione internazionale che possa fermare l’utilizzo “scorretto” dell’IA.

La crescita esponenziale dell’IA rappresenta un’opportunità per una vasta gamma di applicazioni e soluzioni innovative, ma deve essere gestita con attenzione per evitare eventuali rischi e problematiche legate alla sua applicazione scorretta o impropria. 

La natura stessa della tecnologia dell'IA genera preoccupazioni sull'uso che ne potrebbe essere fatto: ciò potrebbe potenzialmente minare le libertà democratiche, creare disuguaglianze sociali o addirittura minacciare la sicurezza internazionale.

Fondamentale che la regolamentazione dell'IA venga gestita con la massima attenzione verso  tutte le questioni tecniche e giuridiche fondamentali. Solo in questo modo sarà possibile garantire ai cittadini europei una tecnologia sicura e rispettosa dei diritti umani, allo stesso tempo favorendo l'innovazione e la competitività del continente.

Il Regolamento proposto sull'Intelligenza Artificiale (AIA) dell'Unione Europea ha l'obiettivo di prevenire diverse interpretazioni tra gli Stati membri, stabilendo una serie di definizioni. Il Parlamento europeo prevede, inoltre, l'obbligo per ogni Stato membro di istituire uno strumento giuridico denominato “regulatory sandbox” per disciplinare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e promuoverne l’implementazione senza ostacolare progresso ed innovazione.

Si prevede che la proposta di regolamento venga discussa e modificata ulteriormente prima della sua approvazione. Entro fine anno dovremmo avere il testo definitivo, che entrerà in vigore nel 2026.

Continua a leggere:

Per dare una buona “assistenza clienti” una soluzione utile è il software di ticketing

Un #software di #ticketing è uno strumento essenziale per gestire clienti in modo rapido ed efficiente. Quando i clienti si sentono trascurati dalla tua azienda, la loro insoddisfazione può rapidamente trasformarsi in sfiducia, rendendo difficile mantenere buone relazioni. Un software di #gestioneclienti risolve questo problema, permettendo di rispondere immediatamente alle richieste e di evitare la confusione di email, chiamate e messaggi non tracciabili. Se le richieste di supporto sono poche, potresti non sentire il bisogno di un sistema di ticketing. Tuttavia, con l’aumento delle richieste giornaliere, diventa cruciale dotarsi di un #CRM per la gestione clienti. Ecco perché: Un software

Leggi Tutto »

Cosa c’è da sapere per rendere il proprio e-commerce sicuro e rispettare tutte le disposizioni del GDPR

Sebbene il #GDPR sia entrato in vigore già da qualche anno, molti rimangono incerti su come conformarsi correttamente, soprattutto nel contesto del business #digitale. Gli #e-commerce sono particolarmente coinvolti in questo tema, che affronteremo in questo articolo. Vogliamo rispondere a una domanda ancora molto comune: come possono gli e-commerce adeguarsi al GDPR? Per proteggere il proprio business e se stessi, specialmente se si è proprietari di un negozio online, è sufficiente prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto, è necessario monitorare tutti i servizi del proprio e-commerce che raccolgono dati sensibili degli utenti. Dopo aver identificato questi dati,

Leggi Tutto »

Come esercitare il diritto di opposizione verso Meta per l’utilizzo dei dati personali

Dal 26 giugno, #Meta ha iniziato a utilizzare i nostri #dati per addestrare l’intelligenza artificiale di #Facebook e #Instagram. Tuttavia, esiste un modo per impedire che le informazioni relative a post, immagini e video siano utilizzate a tale scopo. Ecco come fare. Esercitando il diritto di opposizione previsto dal #DigitalServicesAct, è possibile evitare che milioni di dati e informazioni siano impiegati per allenare l’AI generativa di Facebook e Instagram. Come si fa? Segui questi passaggi: Accedi al tuo profilo: clicca sulle tre linee in alto a destra. Naviga alle informazioni: scorri fino a trovare l’opzione “Informativa sulla #privacy”. Consulta l’informativa

Leggi Tutto »

Nel 2023 sono stati bloccati 9.000 annunci al minuto, a riportarlo è il Google Ads Safety Report

Google ha recentemente pubblicato il suo #rapporto annuale sulla sicurezza degli annunci, il “Report sulla #sicurezza degli #annunci 2023”, che esamina le iniziative intraprese per garantire un’esperienza pubblicitaria più sicura nel suo ecosistema. L’obiettivo principale di questo rapporto è quello di condividere i progressi compiuti nell’applicazione delle politiche per #inserzionisti e #publisher. Una delle principali tendenze emerse nel 2023, come evidenziato nel rapporto, è stata l’impatto significativo dell’intelligenza artificiale generativa nel settore della pubblicità digitale. Questo ha portato a cambiamenti sostanziali, ma ha anche presentato nuove sfide per gli utenti. Duncan Lennox, Vice Presidente e General Manager della Privacy e

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?