Cosa sono le GPT e come cambieranno internet

GPT (Generative Pre-training Transformer) è un modello di machine learning sviluppato da OpenAI che viene utilizzato per il pre-training di modelli di linguaggio naturale. Il pre-training consiste nel fornire al modello una grande quantità di dati e utilizzare questi dati per “allenare” il modello su una specifica tipologia di compito, come il riconoscimento del linguaggio naturale o la traduzione.

Una volta che il modello è stato pre-allenato, può essere facilmente adattato a una varietà di compiti di linguaggio naturale, come la scrittura di risposte automatiche, la classificazione del testo o la sintesi del parlato. GPT è stato progettato per essere altamente scalabile e in grado di gestire grandi quantità di dati, il che lo rende particolarmente adatto per l'utilizzo in grandi imprese e aziende che hanno bisogno di analizzare grandi quantità di dati linguistici.

Questi sono alcuni esempi nei quali OpenAI è stato utilizzato per risolvere problemi reali.

Chatbot: OpenAI ha sviluppato un chatbot chiamato GPT-3 che è in grado di generare risposte convincenti a domande in lingua inglese. GPT-3 è stato utilizzato per creare chatbot per il customer service, che possono rispondere alle domande dei clienti in modo rapido ed efficiente.

Generazione di contenuti: OpenAI ha anche sviluppato modelli di machine learning che possono generare testo, come articoli di giornale o descrizioni di prodotto. Questi modelli possono essere utilizzati per aiutare a creare contenuti per siti web o social media in modo rapido ed efficiente.

Riconoscimento vocale: OpenAI ha sviluppato modelli di machine learning che possono essere utilizzati per il riconoscimento vocale e la trascrizione del parlato. Questi modelli possono essere utilizzati per creare applicazioni di riconoscimento vocale per dispositivi come smart speaker o telefoni cellulari.

Traduzione: OpenAI ha anche sviluppato modelli di machine learning che possono essere utilizzati per la traduzione automatica di testi da una lingua all'altra. Questi modelli possono essere utilizzati per creare servizi di traduzione automatica per aziende o individui che hanno bisogno di tradurre testi in diverse lingue.

Open AI rischia davvero di rubare il lavoro agli esseri umani?

OpenAI e altri modelli di machine learning possono automatizzare alcuni compiti e rendere più efficienti alcune attività lavorative, ma non è detto che debbano necessariamente sostituire gli esseri umani. In alcuni casi, l'utilizzo di OpenAI può liberare gli esseri umani da compiti ripetitivi e consentire loro di concentrarsi su attività che richiedono maggiore creatività o pensiero critico. Inoltre, OpenAI e altri modelli di machine learning possono essere utilizzati per supportare gli esseri umani nello svolgimento di determinati compiti, piuttosto che sostituirli completamente.

Detto questo, è importante considerare come l'adozione della tecnologia può avere effetti sulla forza lavoro e fare in modo che gli esseri umani siano adeguatamente formati e preparati per lavorare con queste tecnologie. Inoltre, potrebbe essere necessario prendere in considerazione misure per proteggere gli interessi degli esseri umani, ad esempio attraverso programmi di formazione o riqualificazione, in caso di automazione di determinati compiti lavorativi.

OpenAI è un'organizzazione di ricerca sull'intelligenza artificiale senza scopo di lucro con sede a San Francisco, in California. È stata fondata nel 2015 da un gruppo di investitori e scienziati, tra cui il co-fondatore di SpaceX e Tesla, Elon Musk, e il co-fondatore di LinkedIn, Reid Hoffman. Altri co-fondatori e investitori di OpenAI includono Greg Brockman, Ilya Sutskever, Wojciech Zaremba e John Schulman. OpenAI è finanziato da una varietà di fonti, tra cui investitori privati, donazioni e sponsorizzazioni di aziende.

 

Continua a leggere:

Per dare una buona “assistenza clienti” una soluzione utile è il software di ticketing

Un #software di #ticketing è uno strumento essenziale per gestire clienti in modo rapido ed efficiente. Quando i clienti si sentono trascurati dalla tua azienda, la loro insoddisfazione può rapidamente trasformarsi in sfiducia, rendendo difficile mantenere buone relazioni. Un software di #gestioneclienti risolve questo problema, permettendo di rispondere immediatamente alle richieste e di evitare la confusione di email, chiamate e messaggi non tracciabili. Se le richieste di supporto sono poche, potresti non sentire il bisogno di un sistema di ticketing. Tuttavia, con l’aumento delle richieste giornaliere, diventa cruciale dotarsi di un #CRM per la gestione clienti. Ecco perché: Un software

Leggi Tutto »

Cosa c’è da sapere per rendere il proprio e-commerce sicuro e rispettare tutte le disposizioni del GDPR

Sebbene il #GDPR sia entrato in vigore già da qualche anno, molti rimangono incerti su come conformarsi correttamente, soprattutto nel contesto del business #digitale. Gli #e-commerce sono particolarmente coinvolti in questo tema, che affronteremo in questo articolo. Vogliamo rispondere a una domanda ancora molto comune: come possono gli e-commerce adeguarsi al GDPR? Per proteggere il proprio business e se stessi, specialmente se si è proprietari di un negozio online, è sufficiente prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto, è necessario monitorare tutti i servizi del proprio e-commerce che raccolgono dati sensibili degli utenti. Dopo aver identificato questi dati,

Leggi Tutto »

Come esercitare il diritto di opposizione verso Meta per l’utilizzo dei dati personali

Dal 26 giugno, #Meta ha iniziato a utilizzare i nostri #dati per addestrare l’intelligenza artificiale di #Facebook e #Instagram. Tuttavia, esiste un modo per impedire che le informazioni relative a post, immagini e video siano utilizzate a tale scopo. Ecco come fare. Esercitando il diritto di opposizione previsto dal #DigitalServicesAct, è possibile evitare che milioni di dati e informazioni siano impiegati per allenare l’AI generativa di Facebook e Instagram. Come si fa? Segui questi passaggi: Accedi al tuo profilo: clicca sulle tre linee in alto a destra. Naviga alle informazioni: scorri fino a trovare l’opzione “Informativa sulla #privacy”. Consulta l’informativa

Leggi Tutto »

Nel 2023 sono stati bloccati 9.000 annunci al minuto, a riportarlo è il Google Ads Safety Report

Google ha recentemente pubblicato il suo #rapporto annuale sulla sicurezza degli annunci, il “Report sulla #sicurezza degli #annunci 2023”, che esamina le iniziative intraprese per garantire un’esperienza pubblicitaria più sicura nel suo ecosistema. L’obiettivo principale di questo rapporto è quello di condividere i progressi compiuti nell’applicazione delle politiche per #inserzionisti e #publisher. Una delle principali tendenze emerse nel 2023, come evidenziato nel rapporto, è stata l’impatto significativo dell’intelligenza artificiale generativa nel settore della pubblicità digitale. Questo ha portato a cambiamenti sostanziali, ma ha anche presentato nuove sfide per gli utenti. Duncan Lennox, Vice Presidente e General Manager della Privacy e

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?