Piano triennale AgID 2020-2022, ecco i punti salienti

Il Piano Triennale per l’informatizzazione nella PA previsto da AgID (Agenzia Italia Digitale) è stato da poco rilasciato e fungerà per gli anni a venire da vero e proprio punto di riferimento per le Amministrazioni. Il documento, composto da nove capitoli, un’appendice ed un sommario esecutivo, si è dimostrato un ambizioso piano di crescita, una sorta di evoluzione necessaria visti i moderni strumenti a disposizione.

Tra vecchio e nuovo

Il nuovo Piano AgID ripercorre, in maniera abbastanza evidente, la strada tracciata dal precedente Piano Triennale. Focalizzandosi sui seguenti aspetti:

– Trasformazione digitale della PA: Si tratta dell’obbiettivo finale dell’intero iter, al fine di creare delle Smart PA e dotarle dei più moderni strumenti e tecnologie digitali, il tutto al fine di offrire un servizio più efficiente riducendo i costi;

– Innovazione al servizio dei cittadini: Continuando la trasformazione digitale della PA, l’AgID ha voluto porre l’attenzione sui servizi al cittadino ed il relativo accesso, infatti, ultimamente si sta promuovendo in maniera significativa l’accesso tramite SPID, sistema che garantirebbe l’accesso a tutti i portali istituzionali attraverso una semplice password;

– Interoperabilità: Se effettuata correttamente, l’opera di digitalizzazione permetterà alle diverse PA di comunicare tra loro attraverso mezzi più evoluti delle mail o delle PEC, accelerando quindi i tempi richiesti dalle varie pratiche.

La svolta invece riguarda il fatto che i veri protagonisti di questo cambiamento saranno le singole Pubbliche Amministrazioni, le quali attraverso la ricezione del documento in questione metteranno in opera una serie di best-practices utili al raggiungimento dell’obiettivo.

I Principi Fondamentali

L’azione prevista dal Piano Triennale richiede di seguire in maniera pedissequa i seguenti principi:

– Digital e mobile: I servizi erogati dalle PA dovranno essere erogati anche tramite strumenti digitali o dispositivi mobile, vista l’abbondante diffusione di questi sistemi;

– Digital Identity: L’utilizzo del Sistema Pubblico d’Identità Digitale è fondamentale per fornire l’accesso ai servizi alla cittadinanza;

– Cloud First: È necessario ricorrere quanto prima al cloud computing, evitando di fatto il rischio di lock-in

– Trasparenza: I dati sono importanti, per questo motivo la PA deve mettere a disposizione il patrimonio informativo pubblico in maniera del tutto trasparente;

– Esperienza utente fruibile: I sistemi a disposizione dovranno essere user-friendly ed accessibile anche da soggetti “non alfabetizzati” dal punto di vista digitale;

– Open Code: I software utilizzati dalla PA dovrebbero essere preferibilmente open source, a tal punto di mettere a disposizione l’intero codice sorgente al servizio di sviluppatori interni.

Tra questi punti salienti, spiccano per importanza la richiesta di rendere fruibili da tutti i dispositivi i servizi predisposti dalle PA, la necessità di trasparenza ed il ricorso ad una User Interface digeribile anche da soggetti poco avvezzi al mondo digitale.

Conclusioni

A dirla tutta, il nostro paese è decisamente indietro nel processo, ma l’impronta operativa fornita da questo Piano Triennale lasciano ben sperare. Infatti, una volta avviate in maniera adeguata questa serie di attività, potremmo rivoluzionare le nostre città trasformandole in Smart City in modo da semplificare la vita dei cittadini e canalizzare in modo migliore gli investimenti che gli Enti dovranno effettuare.

Continua a leggere:

Per dare una buona “assistenza clienti” una soluzione utile è il software di ticketing

Un #software di #ticketing è uno strumento essenziale per gestire clienti in modo rapido ed efficiente. Quando i clienti si sentono trascurati dalla tua azienda, la loro insoddisfazione può rapidamente trasformarsi in sfiducia, rendendo difficile mantenere buone relazioni. Un software di #gestioneclienti risolve questo problema, permettendo di rispondere immediatamente alle richieste e di evitare la confusione di email, chiamate e messaggi non tracciabili. Se le richieste di supporto sono poche, potresti non sentire il bisogno di un sistema di ticketing. Tuttavia, con l’aumento delle richieste giornaliere, diventa cruciale dotarsi di un #CRM per la gestione clienti. Ecco perché: Un software

Leggi Tutto »

Cosa c’è da sapere per rendere il proprio e-commerce sicuro e rispettare tutte le disposizioni del GDPR

Sebbene il #GDPR sia entrato in vigore già da qualche anno, molti rimangono incerti su come conformarsi correttamente, soprattutto nel contesto del business #digitale. Gli #e-commerce sono particolarmente coinvolti in questo tema, che affronteremo in questo articolo. Vogliamo rispondere a una domanda ancora molto comune: come possono gli e-commerce adeguarsi al GDPR? Per proteggere il proprio business e se stessi, specialmente se si è proprietari di un negozio online, è sufficiente prestare attenzione ad alcuni aspetti fondamentali. Prima di tutto, è necessario monitorare tutti i servizi del proprio e-commerce che raccolgono dati sensibili degli utenti. Dopo aver identificato questi dati,

Leggi Tutto »

Come esercitare il diritto di opposizione verso Meta per l’utilizzo dei dati personali

Dal 26 giugno, #Meta ha iniziato a utilizzare i nostri #dati per addestrare l’intelligenza artificiale di #Facebook e #Instagram. Tuttavia, esiste un modo per impedire che le informazioni relative a post, immagini e video siano utilizzate a tale scopo. Ecco come fare. Esercitando il diritto di opposizione previsto dal #DigitalServicesAct, è possibile evitare che milioni di dati e informazioni siano impiegati per allenare l’AI generativa di Facebook e Instagram. Come si fa? Segui questi passaggi: Accedi al tuo profilo: clicca sulle tre linee in alto a destra. Naviga alle informazioni: scorri fino a trovare l’opzione “Informativa sulla #privacy”. Consulta l’informativa

Leggi Tutto »

Nel 2023 sono stati bloccati 9.000 annunci al minuto, a riportarlo è il Google Ads Safety Report

Google ha recentemente pubblicato il suo #rapporto annuale sulla sicurezza degli annunci, il “Report sulla #sicurezza degli #annunci 2023”, che esamina le iniziative intraprese per garantire un’esperienza pubblicitaria più sicura nel suo ecosistema. L’obiettivo principale di questo rapporto è quello di condividere i progressi compiuti nell’applicazione delle politiche per #inserzionisti e #publisher. Una delle principali tendenze emerse nel 2023, come evidenziato nel rapporto, è stata l’impatto significativo dell’intelligenza artificiale generativa nel settore della pubblicità digitale. Questo ha portato a cambiamenti sostanziali, ma ha anche presentato nuove sfide per gli utenti. Duncan Lennox, Vice Presidente e General Manager della Privacy e

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?