OpenAI, Nvidia e Amazon investono in Robot umanoidi

Dopo il trionfo di Dall-E e #ChatGPT, #OpenAI mira al prossimo traguardo: sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale per far operare #robotumanoidi parlanti e introdurli rapidamente sul mercato. Per realizzare questo ambizioso obiettivo, la compagnia, guidata da Sam Altman, ha stretto una collaborazione con Figure AI, una startup impegnata nella creazione dei primi robot umanoidi accessibili al pubblico.

Secondo quanto riferisce Business Insider, l’accordo tra OpenAI e #FigureAI mira ad “accelerare le tempistiche commerciali di Figure”, potenziando la capacità dei suoi robot di interagire con gli esseri umani, elaborare informazioni e rispondere ai comandi. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo delle ricerche e dei grandi modelli multimediali sviluppati da OpenAI. Non è la prima volta che OpenAI dimostra il suo interesse, anche finanziario, per lo sviluppo di robot umanoidi, avendo già guidato un consistente round di investimenti nella startup di robotica 1X Technologies.

Oltre alla partnership con OpenAI, Figure ha già ottenuto il supporto di importanti attori come Microsoft, Nvidia e persino Jeff Bezos, fondatore di Amazon. La startup ha raccolto circa 675 milioni di dollari in finanziamenti, portando la sua valutazione totale a un notevole montante di 2,6 miliardi di dollari. Figure sostiene di essere in una fase avanzata del suo lavoro e ha presentato il suo primo prototipo, il Figure-01, capace di fornire assistenza in diversi settori, tra cui produzione, logistica, operazioni di magazzino e vendita al dettaglio. Questo rende il Figure-01 un potenziale concorrente per le attività umane di lavoro.

Peter Welinder, vicepresidente di OpenAI, ha commentato: “Siamo impressionati dai progressi compiuti finora da Figure e non vediamo l’ora di collaborare per esplorare nuove possibilità su come i robot possano essere utili nella vita quotidiana. Con Figure, intravediamo un percorso per scoprire ciò che i robot possono raggiungere se alimentati dai nostri grandi modelli multimediali”. Nel gennaio 2024, il fondatore di Figure, Brett Adcock, ha condiviso un video su X in cui Figure-01 gestisce una macchina per il caffè, affermando che la sua intelligenza artificiale ha imparato osservando gli esseri umani compiere la stessa azione. Adcock ha definito questa interazione una “pietra miliare rivoluzionaria” nel settore.

Continua a leggere:

Corsa ai servizi mobili, la rivoluzione promessa dalle reti 6G

Ormai è chiaro che la tanto attesa rivoluzione annunciata dalle reti #5G stia ancora aspettando di manifestare appieno i suoi frutti. Sebbene lo sviluppo delle infrastrutture stia procedendo, gli operatori si concentrano ora sull’ottimizzazione del processo di implementazione su vasta scala. Tuttavia, in un ambito parallelo, l’industria delle telecomunicazioni sta da tempo plasmando il futuro, dedicandosi alla definizione della tecnologia destinata a modellare i sistemi di trasmissione dati, le applicazioni in mobilità e i servizi di connettività della prossima era digitale: il #6G. Le specifiche delle reti di sesta generazione sono attualmente in fase di sviluppo da parte del #3GPP,

Leggi Tutto »

Intelligenza Artificiale al Servizio dell’Editoria: la partnership con Vivere

L’integrazione dell’#intelligenzaartificiale nel settore dell’#editoria sta rivoluzionando il modo in cui le informazioni vengono concepite e distribuite, rappresentando un passo significativo nel costante adattamento delle industrie alla tecnologia moderna. Un esempio tangibile di questa trasformazione è la partnership rafforzata tra #Sigmar e Michele Pinto, editore del rinomato #networkVivere. Il network, che registra oltre 47 milioni di visite annuali, comprende siti di rilievo come VivereSenigallia e VivereAncona, oltre a più di 200 quotidiani sparsi in tutta Italia. Sigmar, da tempo partner tecnologico del gruppo Vivere, ha recentemente rafforzato l’impegnato nell’ottimizzazione delle piattaforme e nella gestione delle migliorie tecniche per sostenere il

Leggi Tutto »

“Consent Mode” per semplificare la gestione del consenso degli utenti: come funziona e a cosa serve

La #ConsentMode di #Google emerge come uno strumento cruciale per i gestori di siti web desiderosi di adeguarsi alle preferenze degli utenti riguardo ai tracciamenti e alla privacy, soprattutto in conformità alle normative come il #GDPR europeo. In collaborazione con una piattaforma di gestione delle approvazioni (GMA, l’interfaccia di selezione, per chiarire), la Consent Mode semplifica il controllo delle #preferenze degli utenti riguardo ai tracciamenti e ai cookie, assicurando che i dati degli utenti siano utilizzati esclusivamente in base alle loro decisioni. L’utente configura le proprie preferenze sui #cookie attraverso la GMA integrata nel sito web. La GMA trasmette le

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?