Il fai da te nella comunicazione digitale funziona?

#digitalmarketing #automazione #buyerpersonas

Se hai un’impresa o se sei un libero professionista e non sei online non esisti. Sito internet., canali social…e teoricamente potresti sbrigartela da solo. Facebook. Instagram, Linkedin, TikTok, Pinterest, YouTube: anche tu segui il diktat dell’essere presenti su tutti(!) i social, adattando un tono di voce specifico per ognuno di essi?

All’inizio potresti anche riuscire. Poi avresti subito a che fare con:

  •  il tempo e l’impegno che i contenuti richiedono ( ce l’hai?)
  • mancanza di idee
  • identità confusa, tono di voce sempre diverso

L’ubiquità non è richiesta, più opportuno scegliere il canale più affine alla propria attività e pubblicare regolarmente contenuti di qualità rispettando così l’appuntamento con l’utente. In questo modo la fidelizzazione sarà più facile.

Qual è l’immagine che dai di te online? È coerente su tutti i canali  con cui le persone entrano in contatto con te (sito internet, social media, podcast, e-mail)? Alcune aziende hanno persino il logo diverso! Ciò allontana e confonde potenziali clienti. 

Conosci il tuo pubblico di riferimento?

Altro tasto dolente è il ritorno sull’investimento. Hai lavorato costantemente sui contenuti, realizzato tante campagne pubblicitarie ma hai attratto poco pubblico, hai ottenuto poche visualizzazioni e ancora meno interazioni? La soluzione non è aumentare il budget ma analizzare i punti critici e conoscere chi sono le tue buyer personas, il cliente tipo al quale rivolgerti, così da creare servizi e contenuti in linea con le sue esigenze. Parlare a tutti equivale a non parlare a nessuno. Rivolgendoti a un cliente specifico, puoi andare incontro alle sue esigenze, mostrargli come poterle risolvere e diventare per lui un punto di riferimento. Ed ecco che compariranno visualizzazioni, interazioni e clienti reali.

Ti abbiamo mostrato solo un’istantanea delle insidie del fai da te, il quadro completo è molto ampio e complesso. 

Quello sin qui visto è soltanto una rapida carrellata dei pericoli del fai da te. Il quadro completo sarebbe molto.

Per poter sfruttare appieno tutti i benefici che il digital marketing può offrire al tuo business, occorre affidarsi a professionisti competenti che sappiano comunicare con i diversi reparti collocati all’interno dell’azienda con cui collaborano. È compito nostro capire come valorizzare la tua immagine aziendale attraverso strategie di marketing su misura per te.

Visita la nostra sezione dedicata a digitalizzazione e consulenza.

Continua a leggere:

Sapevi che esiste l’inquinamento digitale? Ecco qualche informazione

L’inquinamento digitale è una realtà spesso ignorata, ma le nostre attività online quotidiane contribuiscono significativamente a questo fenomeno. Ogni volta che navighiamo su #internet o utilizziamo #servizidistreaming, come guardare video o ascoltare musica, generiamo una quantità enorme di dati che devono essere trasferiti e memorizzati nei data center. Questi processi richiedono #energia e #risorse considerevoli. Ad esempio, la visione di video online è una delle attività più dispendiose in termini di #consumo di banda e energia. Servizi popolari come Netflix, YouTube e altre piattaforme di streaming utilizzano una quantità significativa di energia per funzionare. I data center che supportano queste

Leggi Tutto »

Le aziende non potranno più chattare coi clienti tramite App e servizi Google come Maps e Search

A breve non sarà più possibile contattare le aziende tramite #chat usando #App e servizi #Google come #Maps e il motore di ricerca. Il colosso tecnologico di Mountain View ha annunciato di recente la #chiusura del #software #BusinessMessages. Questo servizio verrà definitivamente disattivato nel mese di luglio, con una portata che coinvolgerà utenti e aziende a livello globale. Le notifiche via email sono già state inviate alle imprese interessate, incluse quelle in Italia. Google Business Messages era un servizio a partecipazione volontaria, conosciuto anche come “opt-in”. Questo significava che le aziende potevano scegliere di attivare questa funzionalità, che aggiungeva un

Leggi Tutto »

Approvata l’AI Act, la prima normativa al mondo che regola l’intelligenza artificiale

L’AI Act rappresenta la prima legge mondiale concepita per #regolamentare l’intelligenza artificiale. Inizialmente si prevedeva che sarebbe entrato in vigore entro un anno o un anno e mezzo dalla sua approvazione, ma ora sappiamo che sarà operativo ufficialmente tra due anni. Questa #normativa si distingue per la classificazione delle intelligenze artificiali in tre categorie di rischio ben definite: La prima categoria comprende le applicazioni che presentano un rischio inaccettabile, come quelle che utilizzano il punteggio sociale, la manipolazione psicologica o la raccolta di dati biometrici, che sono vietate senza eccezioni. La seconda categoria riguarda le applicazioni ad alto rischio, che

Leggi Tutto »

Laboratorio segreto a Zurigo, Apple “ruba” esperti a Google

Nel cuore di Zurigo, si sta svolgendo una trasformazione senza precedenti. #Apple, nota per la sua prudenza nel campo delle nuove tecnologie, sembra finalmente aver abbracciato pienamente il potenziale dell’Intelligenza Artificiale, colmando rapidamente il divario con i concorrenti del settore. Le ultime mosse dell’azienda suggeriscono l’imminente introduzione di funzionalità AI di ultima generazione sui prossimi sistemi operativi e dispositivi. Secondo quanto riportato dal Financial Times, Apple ha reclutato numerosi esperti in #AI, provenienti in gran parte da Google, per creare un vero e proprio “laboratorio segreto” nel cuore di Zurigo. Questa sede ospita un team dedicato allo sviluppo di nuovi

Leggi Tutto »

Vuoi un riferimento unico per la digitalizzazione della tua azienda?